parallax background

“32 Via dei Birrai” – Provare per credere!

Lun, 02/08/2021 - 18:56

“32 Via dei Birrai” – Provare per credere!


Luppolo (di varietà Brewer’s Gold) coltivato nei colli Asolani, orzo veneziano, bottiglie provenienti dal mantovano, etichette stampate nel veronese, lievito di Treviso e tappo corona prodotto a Torino. L’ultima nata nel birrificio “32 Via dei Birrai”, è un vero e proprio inno all’Italia, alle sue eccellenze ed alla nostra capacità di reagire nei momenti di crisi, visto che è stata concepita in pieno periodo di lockdown. Non a caso, il packaging di Ambita riprende i colori nazionali e il suo nome fa riferimento a tutto ciò che dall’arte al paesaggio, passando per la gastronomia e il clima, ci rende molto desiderati e ricercati nel mondo: ambiti, appunto.

“32 Via dei Birrai” non ha mai smesso di stupirci da quando, oltre un decennio fa, abbiamo iniziato a proporre sui nostri scaffali le loro “creature”, frutto di una grande capacità visionaria che caratterizza i soci fondatori del birrificio, unita ad una profonda passione per la qualità del prodotto, una straordinaria conoscenza tecnica e una innata propensione alla bellezza, che rende ogni bottiglia un prodotto bello da vedere, oltre che unico da bere.

Con un occhio di riguardo all’ambiente: dal processo produttivo, nel quale viene impiegata energia tracciata e garantita dall’origine, proveniente al 100% da impianti a fonti rinnovabili, fino agli imballaggi, che possono essere riutilizzati per creare composizioni decorative o come oggetti d'arredo.

Le birre di “32 Via dei Birrai” sono tutte non pastorizzate, ma rifermentate in bottiglia per valorizzare l’intensità dell’aroma, e non sono filtrate.

Non stupisce perciò che il birrificio di Pederobba sia stato più volte segnalato nella Guida alla Birre d’Italia di Slow Food, compresa la nuova edizione 2021, in cui spicca una menzione particolare alle birre “Nectar” e “Nebra”, che si sono aggiudicate il premio come “Birra imperdibile”.

Ma di tutte le certificazioni di cui si fregia “32 Via dei Birrai” (Slow Brewing, Houblon Belge,No OGM, Vegan Ok, ISO 9001:2008 DNV SINCERT, 100% Made in Italy, Energia 100% rinnovabile),  quella che più rende l’idea della qualità del loro prodotto è stata rilasciata dall’Associazione per la Cristallizzazione Sensibile di Andalo Valtellino (So): mettendo a confronto birre artigianali e industriali di pari gradazione alcolica, oltre ad evidenziare una differenza abissale tra le prime e le seconde, l’Associazione  ha certificato che la birra di “32 Via dei Birrai” conserva quasi intatte le forze vitali degli ingredienti base da cui è stata prodotta e si dimostra un “alimento di alto livello qualitativo, nell’ambito medio alto, se non altissimo, tra prodotti congeneri.”

Cosa altro dire? Che qualche tempo fa sono stata al “32 Via dei Birrari” per una lezione full immersion sul mondo della birra. 

Se vi interessa sapere come è andata la giornata insieme al mitico mastro birrario Fabiano Toffoli, vi suggerisco di cliccare su questo link: https://www.letiziabonamigo.com/32-via-dei-birrai/

 

 

Inserisci i tuoi dati